venerdì 13 giugno 2008

Avanzi Tutta!!


Io adoro gli avanzi. Sono una sfida creativa. Gli sprechi di cibo non sono contemplati nel mio vocabolario e nella mia cucina, per cui di sfide ne affronto parecchie, con i miei fidi alleati Mr. Microwave e Mr. Freezer :P
Ma siccome tanto creativa non sono, per me gli avanzi sono spesso un pretesto per provare quella ricettina lì che è da un po' nel cassetto che prevede l'uso di 30 gr di pancetta e fa' niente che in frigo c'è un pezzetto residuo di prosciutto che chiede solo una rapida eutanasia... le ricette son fatte per essere interpretate, no?
Dunque è un po' complicato fornire delle ricette per gli avanzi, visto che di solito sono invenzioni estemporanee, a volte nemmeno tanto riuscite, giusto per mettere qualcosa a tavola con allegria e per sopravvivenza, ricette che farebbero rabbrividire i più... (avete mai fatto il pesto con le noccioline salate avanzate da un aperitivo?)
Se non avete ancora smesso di leggere, avrete capito che le mie ricette di avanzi, quando non sono delle invenzioni estemporanee e irripetibili, sono libere interpretazioni di ricette, diciamo così, "normali" che vengono adattate a causa di forza maggiore.
E veniamo alla ricetta di questo post. La settimana scorsa, reduce da due giorni di stand presso una fiera professionale, in piedi la maggior parte del tempo, pranzi e cene costituite da pizza al taglio e/o stuzzichini vari, sono arrivata al venerdì sera che il mio corpo chiedeva fibre e vitamine a gran voce. E dato che il tempo non è ancora esattamente estivo, almeno da queste parti, ho pensato che una bella zuppa ci poteva anche stare. La situazione ingredienti in frigo mi ha suggerito una ricetta, tratta dal libro di zuppe che trovate nella mia libreria, che in originale sarebe così:


VELLUTATA DI LATTUGA

4 cespi di lattuga grandi
1 cipolla molto grossa
1 patata piccola
olio extravergine d'oliva
peperoncino rosso in polvere (a piacere)
sale

Per accompagnare:
crostini di pane

Tagliate la cipolla a dadini, mettetela in un tegame con un cucchiaino d'olio e poca acqua; fate assorbire quest'ultima e dorare la cipolla.
Lavate e spezzettate la lattuga, quindi versatela nel tegame cuocendo per circa 2 minuti mescolando con cura. Aggiungete la patata pulita e tagliata a tocchetti, il sale e 6 dl d'acqua. Fate cuocere per 10 minuti.
Lasciate intiepidire e frullate per ottenere una crema densa. Insaporite, se piace con del peperoncino, versate a filo dell'olio extravergine di oliva e servite con crostini di pane caldi.


In realtà, questa ricettina è stata lo spunto per dare una degna fine ad un radicchio di chioggia un po' appassito che stazionava in frigo da un po', servita con una generosa dose di olio piccante per stemperare l'amarognolo... penso che sia una ricetta adatta a riciclare tutte le insalate, quando non sono più appetibili da crude!!
W gli avanzi!!
BLOGGER_PHOTO_ID_5204285654032075714

2 commenti:

Ciboulette ha detto...

Eli,ma allora sei tornata sul serio! :)

Mi sa che questa zuppetta la copiero' ben presto, abbiamo tanta di quella lattuga (e per fortuna eh, quando si possono avere ortaggi genuini si deve solo essere felici), che potremmo cenare a base di insalate per un mese!
Un bacio, e mannaggia, quel sito non lo conoscevo..o per fortuna, cosi non ne sento la mancanza ?? :)

Elisabetta ha detto...

Ciao carissima!
Diciamo che ci provo a restare in giro :P finchè non mi licenziano e allora avrò taaaaaanto tempo libero :D
Be' di sicuro non conoscendo TS ti sei salvata da una mania... anche se stanno rapidamente nascendo dei cloni, li testo e vi faccio sapere!!
Baci