martedì 30 settembre 2008

Domanda: Andiamo al Mare o in Montagna? Risposta: Sì!

Eccomi finalmente di ritorno dale vacanze più dissociate che si potessero fare. Non pensate male, non sono stata in vacanza fino ad ora. Con scatto fulmineo ed abile mossa (citazione, anyone?) ero riuscita a svicolare un sacco di impegni lavorativi rimandandoli allegramente a settembre. Speravo vivamente che trovassero altre strade, che il CERN se li risucchiasse in un bel buco nero, che sparissero per autocombustione e invece li ho trovati tutti sorridenti sulla mia scrivania al mio ritorno.
Spero che i miei 2,5 lettori (lo 0,5 è la mia mamma che mi legge solo quando le stampo i post) più o meno assidui non me ne vogliano, ma ho preferito star lontana dalla blogosfera finchè non riuscivo a concludere qualcosa nel mondo "serio" ;)
Forse speravate che non tornassi a cyber-tormentarvi e invece eccomi qua, progetto consegnato e altri impegni che incalzano ma per un po' li lascerò scalpitare. Le vacanze dissociate sono andate benissimo: passare di botto dalla Sardegna con 30° all'ombra alle Alpi con scarsi 18° dà la misura della nostra dissociazione e soprattutto della nostra indecisione (della serie:"mare o montagna? tutti e due!"). La Sardegna mi è piaciuta tantissimo, non c'ero mai stata e la sensazione continua è stata "Ma quanta bellezza mi sono persa!!" Il mio ideale di mare, davvero, prima o poi posto qualche foto. Le Alpi, che ne parlamm' affa'?? come dicono in Alto Adige, sono sempre uno spettacolo.
Di ritorno a casa, neanche a dirlo, mi sono dovuta mettere ai fornelli e ovviamente non mi è dispiaciuto affatto, ma andiamo con ordine. Temevamo fortemente che in nostra assenza, il nostro giardinetto, che tanta fatica ha assorbito, avrebbe fatto una brutta fine. Invece, grazie ai moderni avanzamenti tecnologici (l'irrigazione automatica!) e a qualche buon cuore (il gentilissimo vicino!!) abbiamo scoperto che tutto (o quasi) è sopravvissuto, e qualcs'altro aveva anche un po' esagerato.
Per essere precisi, la nostra piantina di menta aveva lasciato il posto ad un cespuglione di menta che rischiava di soffocare tutte le piante vicine, per cui si è reso necessario un severo intervento di potatura. E potevo mai sprecare tutte quelle belle foglie di menta? E quindi...



SCIROPPO DI MENTA

Ingredienti
1 tazza di zucchero
1 tazza di acqua
1 e 1/2 tazze foglie di menta appena colte, lavate e asciugate, spezzettate (con le mani!) e leggermente pressate nella tazza

In una casseruola unire tutti gli ingredienti e portare ad ebollizione, su fuoco medio, mescolando fino allo scioglimento dello zucchero.
Lasciar bollire per 2 minuti poi filtrare il tutto con un colino a maglia fitta premendo bene sulle foglie per far scendere tutto il liquido.
Far raffreddare a temperatura ambiente, poi imbottigliare e conservare ben chiuso in frigorifero. Servire diluito in acqua fredda.



La ricetta è stata trovata su internet, non me ne vogliate non ricordo assolutamente comedoequando ma ringrazio molto l'autore/trice. Piccolo consiglio: se non la volete come unica piante del vostro giardino non piantate MAI la menta in piena terra...

2 commenti:

Vivi ha detto...

Ciao, il tuo blog è molto interessante!
Viviana

Elisabetta ha detto...

Ciao Vivi, grazie della visita. Lo sai che i tuoi canarini sono deliziosi, complimenti per la dedizione!