mercoledì 28 gennaio 2009

Gnocchi&Tigelle fanno le BFF...

...altro che ereditiere bionde(e no, non le dedico neanche un link che sennò aumenta di rank :P).
I pianeti si sono allineati, le costellazioni hanno triangolato, le comete hanno lasciato la scia, insomma, una serie di fortunati eventi ha fatto sì che una cara amica passasse da Bologna con tutta la famiglia. Appuntamento a pranzo di Domenica, le istruzioni erano precise: "Gnocco fritto e/o tigelle e/o Piadina. Non necessariamente in quest'ordine" recitava l'sms.
Semplice a dirsi, solo che bisogna mettersi d'accordo sulla terminologia.
La piadina la conoscono tutti, è il simbolo della Romagna, da Bologna in giù, insomma, anche se si potrebbe dissertare sulle differenze tra piadine spesse, che se non ho capito male sono tipiche della zona di Cesena, e piade sottili che si arrotolano, come le fanno a Rimini. Perchè la piadina ha forse più ricette della pastiera. Per motivi logistici l'appuntamento era Bologna centro, e purtroppo non sono ancora molto pratica di locali dove si faccia la piadina d.o.c.; anzi ogni suggerimento a questo punto è gradito, così magari la prossima volta riesco a fargli assagiare anche i crescioni.
Su gnocchi&tigelle sono più ferrata, anche se, a voler essere precisi, l'accoppiata è errata, in quanto le tigelle si mangiano a Bologna, in compagnia delle crescentine (fritte) e a volte la crescente (focaccia al forno); verso Modena le crescentine crescono in larghezza e lunghezza e diventano il Gnocco Fritto, per gli amici il Gnocchino.
No, non è un errore. In emilia è "il" Gnocco, mica uno Gnocco qualunque. E il gnocco si mangia con le... crescentine: non chiedete le tigelle a Modena che vi potrebbero servire, in vena di scherzi, le pietre refrattarie nelle quale le crescentine cuociono.
Confusi? Tranquilli, io ci ho messo solo due anni a capirci qualcosa. E non mi sono ancora spinta fino a Parma, dove il gnocco diventa la torta fritta.
Ricapitolando, a Bologna si mangiano Tigelle&Crescentine, a Modena Gnocco&Crescentine, e tra Bologna e Modena, salomonicamente, troverete i cartelli dei ristoranti che offrono Gnocchi&Tigelle.
Assodato che il pranzo si baserà su Tigelle e Crescentine, si pone il problema del dove: che l'abbuffata di crescentine, tigelle e salumi vari si fa sui colli bolognesi dove, si sa, qualcuno gira in vespa e il lambrusco sgorga dalle sorgenti.
Bologna centro invece è piena di osterie tipiche e di locali dove si mangiano kebab buonissimi, ma ignoro se esista una tigelleria vera e propria.

Per cui mi sono affidata alla cucina fusion. Che in questo caso niente ha a che vedere con latte di cocco, spezie strane e jambalaia, ma con dei friuliani intrapendenti che hanno capito che per far mangiare il loro San Daniele Doc ai bolognesi, bisognava servirlo su delle tigelle calde e delle crescentine appena fritte, accompagnandolo con fiumi di lambrusco. Non serve altro: Pane, vino e San Daniele, per un pranzo con degli amici che avevi tanta voglia di rivedere e che si son fatti tutti questi kilometri per te!

Così, dopo un numero imprecisato di cestini di tigelle e crescentine, taglieri di salumi buonissimi, crespelle con spinaci, frico morbido con patate e dolcetti vari, purtroppo è venuto il momento dei saluti. Ma tanto, si sa, non saranno una manciata di kilometri a dividere due BFF, specie se hanno in comune una smodata passione per la tavola.

A presto, teso'.

6 commenti:

Mirtilla ha detto...

ma dai..non conoscevo affatto questa bella iniziativa!!!
un bacione

Elisabetta ha detto...

I ristoranti "Pane, Vino e San Daniele" a Bologna sono ben due, pare che l'altro faccia solo cucina friulana... devo assolutamente andrci prima o poi!! ;)
Un bacione

Sandra ha detto...

Amica mia! che bel regalo mi hai fatto :) non posso che ringraziare te e il tuo uomo per l'ottima scelta, mi sono pentita di aver mangiato tutte quelle crescentine, dovevo conservarne qualcuna per i momenti di nostalgia :D Una foto coi nostri 3 uomini, spettacolo! Tesoro..io non ci ho capito una mazza su tutta la distinzione tra tigelle gnocco, gnocchettone, piadina e piadinozza..chissenefrega. ma che fameeeeeeeeeeeeeeeee :)
Appena ho 5 o 6 ore libere torno su per fare il biss..e poi il tris..ecc.

baci grandi grandi.
P.S. ma che sono le BFF??

Elisabetta ha detto...

BFF = Best Friend Forever :D
Su questo argomento sta per partire su MTV un programma che giudico altamente diseducativo e che ha per protagonista una certa ereditiera biona che non nominerò nè linkerò. tiè.
bacibaci
p.s. non so se te la pubblico la ricetta delle tigelle, altrimenti poi non vieni più quassù a mangiarle ;P

Mikamarlez ha detto...

pure io voglio andare in questo psoticino a mangiare...interessantissimo..la prox volta che vado a Bologna, ci vado..e a te che faccio? ti passo a salutare? baci.lety

Elisabetta ha detto...

MA STIAMO SCHERZANDO? CHE FAI LO CHIEDI PURE?? ;P
Diciamo che ho già preallertato il ristorante: se vedono arrivare una con un cappello viola a punta che viene a Bologna senza avvertirmi, devono lasciarla digiuna!!!
Sei avvertita!
Ovviamente scherzo, ma mi farebbe un sacco piacere salutarti
un bacione