domenica 13 dicembre 2009

La maddalena a forma di muffin che sa di plum cake

Salta le chiacchiere e vai alla ricetta: Magdalenas all'olio d'oliva

Qualche post fa si parlava del tortuoso percorso che mi ha portato a una ricetta soddisfacente delle maddalene, percorso costellato di numerosi tentativi, parecchi fallimenti, e qualche scoperta interessante. In era pre-foodblog (forse persino il cavoletto era ai suoi primi post, penzanpo') le ricette su internet giravano sui siti specializzati e sui forum, e già così la sensazione di avere un ricettario grande quanto il mondo era destabilizzante ed entusiasmante allo stesso tempo. E siccome eravamo anche in era pre-google notebook e pre-netbook, le ricette si stampavano e si incollavano sul quadernino, tagliando via, ahimè, il sito d'origine, che sennò non c'entrava nella pagina!!
Una ricetta delle maddalene, trovata chissà dove su internet, ha pertanto sostato nel mio quaderno di ricette finchè non ho trovato lo stampo di silicone adatto. Nel frattempo però l'astronave si era dovuta spostare per motivi di servizio, per cui ho dovuto attendere di nuovo di avere forno e frullatore.
Finalmente i pianeti si sono allineati, e ho ripreso in mano la ricetta, e chiedo scusa se non posso dare il giusto credito al primo pubblicatore. In questa ricetta mi si spiega che "La madeleine o magdalena o maddalena è un dolce che viene tradizionalmente consumato durante la prima colazione spagnola" (ohibò vuoi vedere che i monsù francesi non c'entrano niente con la diffusione delle maddalene a Napoli?) "In molti paesi della Navarra e dell'Aragona vengono sempre offerte nei giorni di festa ad amici e parenti. La ricetta qui riportata segue quella delle Clarisse del convento di Santa Ana, a Onati e, rispetto a quella più comune, contiene più latte e meno uova." Ok, mi son detta... proviamola, anche se non mi risulta che le maddalene si facciano con l'olio di oliva.

MAGDALENAS - Maddalene all'olio di oliva


Ingredienti:
per circa 24 magdalenas:
2 uova
45 cl (400 gr) di zucchero
30 cl (300 gr) di latte
34 cl (300 gr) d'olio d'oliva extra vergine
90 cl (540 gr) di farina
1 bustina di lievito per dolci

Piccoli stampini di carta da forno, o uno stampo in silicone

I più attenti fra voi avranno già aguzzato gli occhi alle dosi. La ricetta originale riportava solo i volumi e lì per lì non mi sono resa conto della quantità di impasto che ne sarebbe scaturito. Fortuna che la prima volta, per provarla, ho dimezzato le dosi :)
Preriscaldare il forno a 175°. Disporre gli stampini su di una teglia. Sbattere le uova con lo zucchero (la ricetta originale dice di usare solo i tuorli ma non mi convinceva), fino a ottenere un composto giallo chiaro che cade dal cucchiaio in un filo discontinuo. Unire anche gli altri ingredienti avendo cura di alternare il latte e l'olio con la farina. Aggiungere per ultimo il lievito. Mescolare bene.
Aiutandosi con un cucchiaio versare l'impasto negli stampini di carta (o nello stampo in silicone) riempiendoli per 2/3 in modo da lasciare alle magdalenas la possibilità di gonfiarsi bene. A questo punto, rendersi conto che la vostra teglia di silicone con 9 formine per maddalene non basterà mai ad accogliere tutto quell'impasto, e tirare fuori di fretta e furia i vostri stampini per muffin, che all'epoca erano solo sei, ma di impasto ce n'è ancora un bel po' quindi? Quindi tirare fuori anche lo stampo da plum cake e finirlo tutto lì dentro!
Infornate e lasciate cuocere per 20 minuti o fino a quando i dolci non risulteranno ben dorati e gonfi, cercando di far cuocere tutti uniformemente nonostante le forme diverse :)

Dunque, come disquisito precedemente, non c'è nessuna possibilità che i dolcini che escono sappiano di mandorla, per la evidente e totale assenza di alcunchè sia in qualche modo in relazione con la mandorla, per cui... per cui? Per cui escono delle maddalene stralievitate ma buonissime, che sanno di plum cake e che hanno allietato parecchie colazioni. Insomma, non era la ricetta che cercavo, ma da allora questo è stato uno dei miei impasti preferiti per il plum cake da colazione! Mi sa che un giorno devo decidermi a dare retta alla ricetta e provare a usare solo i tuorli :)
Nella foto li vedete in versione muffin con dei pezzetti di cioccolata di modica all'arancia. Sono un po' troppo abbronzati... perchè ho sempre il terrore di farli crudi, ed esagero sempre al contario!!

3 commenti:

FairySkull ha detto...

bella ricetta !! ;-)

MAURIZIO ha detto...

Le magdalene mi riportano a immagini dell'infanzia. Un pò freudiana sta cosa, ma è così. Immagini di un tè preso con mia madre, nei pomeriggi uggiosi di inverno. Grazie del regalo :-)

3di15 ha detto...

Grazie FairySkull!!

Ciao Maurizio, cono contenta di averti regalato un bel momento, per quanto piccolo...